Mucca a due Gambe

 

SEDICESIMA

BERTO E LA MUCCA A DUE GAMBE

Agghindato col vestito della festa,mi stavo recando alla Santa Messa, ma era un po’ presto e il: “Destino”mi disse di passare da via Pascuirolo giunto a metà,vidi a una finestra una: “Mucca a due gambe”che esercitava la sua professione in quella via.

Ridendo lei mi rovesciò, di proposito in testa un catino d’acqua sicuramente non potabile e, sempre sghignazzando, si ritrasse,lasciando per sua sfortuna la finestra aperta.

Ma, anche preso alla sprovvista, non mi persi d’animo e, vedendo lì vicino un catasta di circa 40 mattoni addossati al muro, messi lì casualmente dal: “Destino” che mi disse: “Berto sposta i mattoni”e così con precisione ad uno ad uno tirai tutti i 40 mattoni attraverso la finestra,senza che nessuno fiatasse e mi allontanai appagato,pensando al: “Destino”che mi aveva riservato quella strana avventura, proprio a me doveva capitare?.