Bertate

PREFAZIONE

Quando ho parlato di questo assemblaggio di ricordi ai miei fratelli, loro mi hanno consigliato di non pubblicarlo, poiché sostenevano che tutti, chi più chi meno, hanno delle storie simili da raccontare e che non mi dovrei commemorare; ma io ho pensato che qualcuno, prima o poi, lo avrebbe fatto, e allora: perché non io?
Comunque un piccolo messaggio è qui contenuto: ho voluto illustrare ai giovani come erano duri i (bei) vecchi tempi della povera gente.
Ma, il motivo principale per cui ho scritto questo libro, è quello di pubblicare la poesia sul marinaio, che ho composto quando avevo 15 anni e che a me sembra molto bella.
Una cosa: vi consiglio di leggere questo libercolo a rate, altrimenti lo finireste in una sola ora, pur di conoscere la cretinata (o, come le ho battezzate io: Bertate) che segue.
Questo è il primo e l’ultimo libro che scrivo poiché il Berto, a compiere queste imprese, ci ha impiegato circa 70 anni e non credo di camparne altrettanti.
A proposito, come forse avrete capito, il Berto sono io, per cui non lasciatevi ingannare dal fatto che alcuni racconti sono scritti in prima persona e alcuni altri in terza persona, il protagonista assoluto di queste vicende sono sempre io.
Comunque, se dovessi rinascere sotto la specie animale e avessi l’opportunità di scegliere, vorrei essere un elefante, così potrei fare una scultura come quella del settimo episodio, ma più mastodontica!
I disegni sono approssimativi, specialmente quelli riferiti ai primi ricordi, che sono stati tradotti dal disegnatore con libera e fantasiosa interpretazione

A MIO PADRE

Salve a tutti, innanzitutto,Vi ringrazio per essere venuti a visitare questo sito che ho deciso di creare in commemorazione di mio padre (Fondatore del Club).

Questa è la storia della sua vita, in versione divertente, accompagnata da simpatiche vignette, scritta e redatta in modo semplice, come semplice era stata la sua vita.

Si tratta di simpatici aneddoti che vanno dall’infanzia dell’autore, ossia circa gli anni trenta, passando attraverso la guerra, la povertà di quei tempi, un incontro con Mussolini, l’amore per lo sport, fino ad arrivare ai giorni nostri.

La stesura di questo libro e’ cominciata circa nel 1999, ma purtroppo lui e’ riuscito a vederne solo una bozza e non la pubblicazione vera e propria.

Comunque non voglio farvi perdere altro tempo in chiacchiere.

Grazie di nuovo.

RINGRAZIO ANCHE LA MIA MIGLIORE AMICA CINZIA PER AVER COLLABORATO NELLA STESURA DEL LIBRO

Inizia a Leggere